Diventa un ambasciatore

Pensi anche che le competenze per la vita siano cruciali per la nostra società?

Ambasciatori delle abilità di vita

Diventa un ambasciatore del nostro ente di beneficenza e unisciti alla nostra missione per promuovere abilità come l'intelligenza emotiva, il pensiero critico, il lavoro di squadra e il coraggio.

Diffondi il nostro messaggio* in tutto il mondo:
Puoi farlo sui social media, tenendo conferenze, parlando con i media, creando contenuti, cercando supporto e donazioni...

*In qualità di ambasciatore promuoverai la nostra missione, non necessariamente la Fondazione Atyla in quanto tale. Parte dei materiali che forniremo non includono menzioni ad Atyla.

Puoi iniziare oggi

Ecco alcune idee sulle cose che puoi fare ora per supportare la nostra missione:

  • Avvia una conversazione sulle abilità di vita: Scegli uno dei competenze che promuoviamo e chiedi a qualcuno, ad esempio: "Quanto pensi di essere bravo?", "Quanto pensi che sia importante nella tua vita?" o "Quanto pensi che sia importante per il mondo?"
  • Scrivi sui social: Può riguardare le capacità di vita, l'organizzazione di Atyla, i nostri viaggi... Qualunque cosa ti ispiri. Se vuoi puoi usare #AtylaShip e taggaci con @Atyla_ship. Qui link al ns Insta, Facebook, Twitter e Youtube.
  • Appendi un poster in un luogo visibile: Dai un'occhiata alle locandine questa cartella, puoi stamparli a casa o in una tipografia (dimensione massima DinA3) e appenderli dove pensi che molte persone li vedranno. Se possiedi o hai amici in negozi, bar, ristoranti, puoi appenderli anche lì.
  • Fai una raccolta fondi: Il modo più semplice è con un post di raccolta fondi su Facebook (dà la possibilità di raccogliere fondi per un ente di beneficenza come noi). Contattaci se vuoi organizzare un vero e proprio evento di beneficenza: un workshop, un concerto, una corsa...

Candidati qui per diventare un ambasciatore:

La nostra missione, visione e i nostri valori
Qual è il cuore della nostra organizzazione?
Il nostro fondo per borse di studio
Affinché le persone meno fortunate si uniscano ai nostri viaggi